SICURCAVE Il Portale per la sicurezza dei cavatori
SICURCAVE Il Portale per la sicurezza dei cavatori
Normative Legge 626 Legge 624 Prevenzione DPI Primo Soccorso Antincendio Link Test di verifica Informazioni
Torna alla home
Operazione di minamento
Operazione di minamento
Fase di brillamento delle cariche
Fase di brillamento delle cariche

Prevenzione

Uso degli Esplosivi

La sicurezza e la salute dei lavoratori vengono tutelate dalla normativa di polizia delle miniere e delle cave contenuta nel D.P.R. 9 aprile 1959, n. 128, che sancisce inoltre l'uso degli esplosivi e assicura il regolare svolgimento delle lavorazioni nel rispetto della sicurezza dei terzi e delle attività di interesse, garantendo il buon governo dei giacimenti minerari.


Esplosivi impiegati in cava


Esplosivi impiegati in cava:

Nelle miniere e nelle cave è vietato impiegare esplosivi da mina, accessori detonanti e mezzi di accensione non compresi tra quelli riconosciuti dal Ministero dell'Interno, e riconosciuti idonei per l'impiego minerario dal Ministro per l'Industria e il Commercio.

Trasporto dell'esplosivo in cava:

Durante il trasporto gli esplosivi non devono essere lasciati senza sorveglianza. Il trasporto degli esplosivi nell'ambito del cantiere può essere effettuato solo con mezzi e modalità approvati dall'autorità di vigilanza.

Controllo degli esplosivi:

Le partite di miccia devono essere fatte controllare, prima dell'impiego, nella misura di almeno un metro su cento metri, al fine di accertare la velocità media di propagazione del fuoco.
Chiunque constati smarrimento o sottrazione di esplosivo deve darne subito notizia.
La direzione è tenuta a darne immediata comunicazione alla autorità locale di pubblica sicurezza.

Disgelamento e asciugamento degli esplosivi:

Il disgelamento degli esplosivi contenenti nitroglicerina deve farsi di giorno ed all'esterno da operai esperti, sotto la direzione di un sorvegliante e a conveniente distanza dal luogo dove si eseguono altri lavori.
Il disgelamento deve operarsi in appositi recipienti scaldati all'esterno con acqua calda, osservando cautele atte ad evitare il contatto dell'acqua con gli esplosivi.
In ogni caso è vietato asciugare o disgelare esplosivi esponendoli al fuoco, o collocandoli su fornelli, o a diretto contatto con la persona. Gli esplosivi congelati non devono mai essere manipolati o trattati con corpi duri ed il loro trasporto per procedere al disgelamento deve essere eseguito con particolare precauzione.

Distribuzione degli esplosivi in cava:

E' vietato:
- impiegare esplosivi, accessori detonanti e mezzi di accensione diversi da quelli distribuiti dal direttore
- distribuire esplosivi avariati
- distribuire esplosivi al nitrato di ammonio umidi
- distribuire esplosivi congelati contenenti 10 per cento o più di nitroglicerina
- distribuire esplosivi che comunque presentino tracce di trasudamento dei loro componenti liquidi.
Quando si impiegano esplosivi di caratteristiche diverse e se il materiale non è distribuito in pacchi con le relative etichette, le cartucce debbono essere contraddistinte in modo da poterne riconoscere le caratteristiche.
La quantità di esplosivo che può essere consegnata ad un uomo è limitata per ciascun cantiere al consumo di un turno e comunque non deve eccedere i 25 Kg, salvo eccezione autorizzata dalla direzione.
Gli operai addetti allo sparo delle mine non devono dare gli esplosivi avuti in consegna ad altri operai, anche se questi ultimi siano pure essi addetti allo sparo.
Gli stessi operai, alla fine del turno, devono riportare e consegnare le cassette anche se vuote, e versare il materiale esplosivo residuato.

Personale incaricato del caricamento e dello sparo delle mine:

Il caricamento e lo sparo delle mine devono essere eseguiti soltanto da minatori, o da operai con formazione almeno equivalente, dopo che abbiano seguito appositi corsi di preparazione. Periodicamente la preparazione del
suddetto personale deve essere aggiornata e l'idoneità controllata.


Operazione di minamento

Caricamento delle mine:

Gli esplosivi allo stato granulare o polverulento non possono essere versati sciolti nel foro da mina, ma devono essere confezionati con involucro di conveniente resistenza.
L'impiego di polvere nera sciolta è consentito solo nelle cave di materiali lapidei per mine con carica estesa in superficie o mine a fendere.
Il calcatoio deve essere di legno e può essere guarnito con rame, ottone, zinco o bronzo, ma non con materiali ferrosi o altri che possono provocare scintille.
Per assicurare le micce alla capsula di innesco devono essere usate idonee pinze oppure altri strumenti di sicurezza.
Tale operazione è effettuata a distanza o in condizioni di sicurezza, nei confronti di quantitativi anche minimi di esplosivi.


Operazione di minamento


Posizione dei ripari / sbarramento degli accessi - coordinamento con eventuali attività estrattive vicine

Prima del caricamento e dell'intasamento, gli operai non addetti devono allontanarsi a distanza tale da non essere colpiti da esplosioni premature.
Gli addetti allo sparo delle mine, prima di procedere all'accensione delle micce o al collegamento degli inneschi elettrici alla linea di tiro, debbono curare che gli altri lavoratori siano al riparo dall'esplosione e dai gas o fumi che si producono. Se i lavori non offrono al personale sufficiente protezione, devono essere predisposti idonei ripari fissi o mobili.
A tutti gli accessi dei cantieri dove ha luogo lo sparo devono essere disposti incaricati che vietino l'ingresso.
Gli addetti allo sparo non devono procedere alla accensione prima di avere avvertito le persone che siano nelle vicinanze.

Brillamento delle mine:

Devono essere stabiliti gli orari e le modalità del brillamento, in modo da rendere minimo il numero delle persone esposte ai rischi del tiro.
Si stabilisce l'impiego di ripari fissi o mobili nei luoghi che non offrano una sufficiente protezione contro le proiezioni del tiro, dai gas o dai fumi.
I fori da mina debbono essere caricati immediatamente prima del brillamento. Le cartucce devono essere innescate all'atto dell'impiego.
Da ogni cartuccia, innescata e non utilizzata deve essere tolto il detonatore.
Ogni mina deve essere intasata in modo adeguato alla entità, al genere di carica ed alla natura del materiale da abbattere.
La lunghezza dell'intasamento non deve essere inferiore a 20 cm.
Per l'intasamento si deve adoperare materiale non combustibile e non suscettibile di produrre scintille.
Per l'accensione delle micce nelle volate con più di cinque colpi, deve essere adottato un sistema idoneo a regolare il tempo di accensione.


Detonatore elettrico


Misure precauzionali dopo lo sparo:

Effettuato lo sparo delle mine, il minatore incaricato del brillamento non può consentire l'accesso al cantiere prima che i gas prodotti dalla esplosione si siano diradati ed in ogni caso non prima di dieci minuti dall'ultima esplosione. Quando si abbia la certezza dell'avvenuto brillamento di tutte le mine, l'accesso al cantiere dove si è effettuato il tiro può aver luogo in anticipo, purché il personale faccia uso di mezzi di protezione idonei.
Nel caso di brillamento non elettrico, quando sia accertato od esista dubbio che una o più mine non siano esplose, deve essere avvertito subito il sorvegliante. È fatto inoltre divieto a chiunque di accedere al fronte di lavoro prima che siano trascorsi 60 minuti dall'esplosione, e senza ordine del sorvegliante che deve dare le istruzioni del caso.
Il personale adibito al lavoro in un cantiere, dopo lo sparo delle mine, deve provvedere al disgaggio di sicurezza, alla ispezione della fronte di abbattimento per individuare eventuali mine inesplose e assicurarsi che non siano rimasti residui di materie esplosive nel fondo di mina.
Tale lavoro è eseguito in presenza del capo squadra.
Ultimato il disgaggio di sicurezza il lavoro di avanzamento può essere ripreso soltanto dopo che il caposquadra abbia accertato che non siano rimaste mine inesplose.
È proibito scaricare, sia pure parzialmente, le mine mancate, o vuotare e approfondire i fori o fondi di mina dopo l'esplosione.
È vietato lasciare abbandonate mine cariche inesplose.
Di queste si deve provocare l'esplosione mediante nuova carica di esplosivo da collocarsi in nuovo foro prossimo a quello della mina mancata, oppure applicando un'altra cartuccia nel foro stesso della mina mancata, purché si possa togliere facilmente.
I nuovi fori da intestare vicino alle mine mancate, o a quelle che hanno fatto cannone, o ad altri fori nei quali non si possa escludere la presenza di esplosivo, devono essere effettuati a distanza non inferiore a 20 cm da questi e diretti in modo da non avvicinarsi alla carica inesplosa.
Lo sgombero del materiale abbattuto dopo il tiro dei nuovi colpi deve essere effettuato con precauzione in relazione alla possibilità che l'esplosivo sia stato proiettato all'esterno . I fori delle mine non demoliti dalle esplosioni possono essere ricaricati solo dopo un intervallo di almeno mezz'ora e previa introduzione di tampone di argilla.


Materiale abbattuto


Esplosivo avanzato:

L'esplosivo eventualmente non adoperato deve essere restituito a fine turno all'addetto alla distribuzione.

Distruzione della dinamite avariata e degli altri esplosivi:

Gli esplosivi alla nitroglicerina che trasudano oppure sviluppano odore acre o vapori, devono essere rimossi con ogni cautela procedendo, appena possibile, alla distruzione di essi.
Questa deve effettuarsi bruciando l'esplosivo per piccole quantità, disponendola in strisce o cartucce aperte ai due capi, una di seguito all'altra e dandovi fuoco ad uno degli estremi con una miccia o stoppino solforato di lunghezza sufficiente perché l'operante abbia il tempo necessario di mettersi al riparo. Tale operazione deve essere fatta all'aperto ed in luogo non pietroso, seguendo tutte le cautele atte ad evitare danni in caso di esplosione.

 
Vibrazioni
Rumore
Polveri
Movimentazione manuale dei carichi
Segnaletica
Esplosivi
Lavorazione della pietra
Sicurezza nei piazzali
Ribaltamento di bancate e blocchi
Movimentazione di materiali e attrezzature






Torna su
NormativeLegge 626Legge 624PrevenzioneDPIPrimo SoccorsoAntincendioLinkTest di verificaInformazioni
Torna su