SICURCAVE Il Portale per la sicurezza dei cavatori
SICURCAVE Il Portale per la sicurezza dei cavatori
Normative Legge 626 Legge 624 Prevenzione DPI Primo Soccorso Antincendio Link Test di verifica Informazioni
Torna alla home
Primo Soccorso

Il Primo Soccorso

Laccio emostatico

Meglio non farne facile uso perché molto rischioso.

Prima è sempre meglio tentare la compressione a distanza (punti di emostasi).

Si usa solo per gli arti e in casi estremi:

  1. Se la compressione manuale a distanza non è stata efficace.
  2. Caso di molti infortunati (se ne devono abbandonare alcuni per occuparsi di casi più urgenti); oppure caso di estrazione di una vittima da un cunicolo, da un pozzo, da un veicolo (i soccorritori devono avere le mani libere per l'estrazione).
  3. Se il soccorritore è solo e deve abbandonare la vittima (anche per breve tempo) per dare l'allarme.
  4. Caso di amputazione o semiamputazione di un arto. Talvolta non c'è immediato vistoso sanguinamento, poi si possono aprire di colpo dei vasi. Preparare un laccio ed usarlo solo in caso di assoluta necessità: se il tamponamento locale e la compressione a distanza non sono stati efficaci.

N.B. In caso di schiacciamento di un arto, il peso che grava sulla parte del corpo, provoca già di per sé ischemia della zona compressa.
NON si applichi il laccio, ma si chiami con urgenza il Soccorso Avanzato.
Il peso dovrebbe essere spostato solo di fronte a personale sanitario qualificato. Solo in casi estremi, se l'attesa si prolunga (intorno alle 6 ore) e se compaiono marcati sintomi di shock si può dover intervenire preparando un laccio prima di sollevare il peso.

CHE COSA SI USA COME LACCIO

In emergenza si possono usare strisce o cinture di stoffa, cravatta, foulard, ecc
NON si usino spaghi, NON cordoni, NON fili di ferro, NON calze nylon o comunque simili materiali penetranti.

COME SI APPLICA: a cappio (dimostrazione).

Si forma un cappio unendo le due estremità del laccio

DOVE SI APPLICA

a monte della ferita tra la ferita e il cuore

Si applica solo al di sopra del gomito (braccio) e al di sopra del ginocchio (coscia) (Questo vale sempre anche per sanguinamenti più bassi).
NON serve e NON si applica MAI all'avambraccio e alla gamba.

REGOLA IMPORTANTE: scrivere su un biglietto o sul colletto della camicia o comunque in modo visibile la frase "PORTATORE DI LACCIO" e l'ORA ESATTA in cui esso è stato apposto.
II laccio deve essere tolto solo da un medico o comunque in un Pronto Soccorso.

E' rischioso togliere bruscamente un laccio.
Un laccio, d'altra parte, può essere lasciato in loco solo 20 minuti.
Oltre questo limite si rischia l'ischemia con danni irreversibili (necrosi della parte).

COME COMPORTARSI

Di solito in luoghi abitati o frequentati un'ambulanza arriva in tempo entro i limiti suddetti.
Se però ci si trova in luoghi impervi e isolati o c'è un ritardo nei soccorsi, essendo una situazione di emergenza, può essere necessario intervenire.
Valutare più o meno il tempo di attesa e, se è previsto che si prolunghi, NON si tolga bruscamente il laccio ma SI ALLENTI PIANO PIANO lasciandolo in loco, pronti a stringerlo nuovamente dopo un po'.
Questa manovra la si compia ogni venti minuti perché non ci sia eccessivo accumulo di sostanze tossiche, e solo per 2 minuti

 

Chiamata al 118
Esame dell'infortunato
Posizione di sicurezza
Respirazione bocca-bocca
Massaggio cardiaco
Trauma cranico
Trasporto di un ferito
Folgorazione
Intossicazione da aria alterata
Emorragia
Uso del laccio emostatico
Amputazioni
Shock
Distorsioni e Lussazioni
Frattura
Ustione
Svenimento
Colpo di sole
Cassetta del PS

 

 

Torna su
NormativeLegge 626Legge 624PrevenzioneDPIPrimo SoccorsoAntincendioLinkTest di verificaInformazioni
Torna su