SICURCAVE Il Portale per la sicurezza dei cavatori
SICURCAVE Il Portale per la sicurezza dei cavatori
Normative Legge 626 Legge 624 Prevenzione DPI Primo Soccorso Antincendio Link Test di verifica Informazioni
Torna alla home

Asimmetria delle pupille ed emorragia cerebrale
Asimmetria delle pupille ed emorragia cerebrale

Primo Soccorso

Trauma cranico

Con trauma cranico si intende una lesione al cranio dovuta a un evento traumatico.

Caratteristiche delle lesioni:

1. Contusioni e lacerazioni dei tessuti molli pericranici.

2. Frattura del cranio che può essere:
a) lineare, se corrispondente al solo punto di contatto,
b) basilare, se la linea di frattura raggiunge la base cranica,
c) affondata, se i frammenti comprimono l’encefalo o penetrano nei tessuti sottostanti, con conseguenti gravissime lesioni encefaliche.

3. Ematoma extradurale: si ha quando la frattura interessa una delle arterie che si trovano all’esterno della dura madre.

4. Contusione cerebrale: si ha quando l’impatto è tale da promuovere una violenta onda d’urto in grado di determinare danno cerebrale, vascolare, con emorragia, edema o ischemia.

5. L’aumento della pressione endocranica, anche da sola, produce una sofferenza secondaria del tronco cerebrale ed uno stato di coma
.

La commozione cerebrale si manifesta generalmente con una momentanea perdita di conoscenza ed è di solito transitoria e reversibile.
Anche se non comporta danni permanenti, nei casi più gravi può portare a uno stato di coma.

Quando si verifica una lesione dei tessuti cerebrali si ha una contusione cerebrale che è irreversibile e comporta dei danni permanenti.
Un trauma cranico può anche causare la rottura di un vaso sanguigno.
ll sangue, in tal caso, fuoriesce e si raccoglie tra le ossa craniche comprimendo il cervello.
La formazione dell'ematoma può essere anche non immediata e verificarsi alcune ore o anche alcuni giorni dopo il trauma.
In presenza di una lesione al cervello, permanente o reversibile, l'infortunato presenta asimmetria dei diametri pupillari, una sarà dilatata e l'altra ristretta. Davanti a un trauma cranico, anche se appare lieve, è necessario comportarsi sempre come se l'infortunato abbia subito delle lesioni, e chiamare al più presto il 118.


Comportarsi così:

Se cosciente

  • Posizione Semiseduta

Se incosciente

  • Posizione Laterale di Sicurezza solo se si può escludere una lesione alla colonna vertebrale (non sollevargli gli arti inferiori)
  • Coprire eventuali ferite
  • Mantenere la posizione della vittima dalla parte dell'orecchio sanguinante e NON tamponare il medesimo
  • Chiamare Soccorso Qualificato
  • Arrivando in Ospedale comunicare al medico:

    Se ha perso i sensi e per quanto tempo
    Se ha perso la memoria
    Se ha vomitato
    Se è stato agitato oppure torpido, sonnolento.

N.B.: Un trauma cranico può, come si è visto, provocare lesioni esterne (fratture), ma può determinare lesioni interne riguardanti l'encefalo, gravi di per sé anche se non esiste frattura.

Chiamata al 118
Esame dell'infortunato
Posizione di sicurezza
Respirazione bocca-bocca
Massaggio cardiaco
Trauma cranico
Trasporto di un ferito
Folgorazione
Intossicazione da aria alterata
Emorragia
Uso del laccio emostatico
Amputazioni
Shock
Distorsioni e Lussazioni
Frattura
Ustione
Svenimento
Colpo di sole
Cassetta del PS






Torna su
NormativeLegge 626Legge 624PrevenzioneDPIPrimo SoccorsoAntincendioLinkTest di verificaInformazioni
Torna su